Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Centro Visite del Parco naturale dello Sciliar-Catinaccio

Uniamo la breve escursione da Tires fino all'ingresso della Val Ciamin con una visita al Centro Visite Sciliar-Catinaccio. Il sentiero corre lontano dal traffico automobilistico e può essere percorso da chiunque senza problemi.
Il Centro visite offre, oltre a numerosi esemplari di fossili e ad una esposizione di minerali, anche un'interessante esposizione di foto e una grande varietà di materiale illustrato. In primo piano vi sono tematiche di storia naturale, soprattutto la storia della nascita delle Dolomiti. Nelle immediate vicinanze di questa interessante struttura si trova un sentiero geologico con illustrazione grafica degli strati di roccia formatisi nel corso delle ere geologiche, che dà interessanti informazioni sul porfido di quarzo di Bolzano, sull'arenaria della Val Gardena e sugli strati rocciosi dell'Alpe di Siusi, che si trovano al di sopra degli strati di Werfen. Il Centro visite Sciliar-Catinaccio è interessante non solo per gli adulti ma anche per i bambini. La sua particolare ubicazione lo rende facile da raggiungere, anche in auto, fino ai parcheggi di Lavina Bianca.

L’escursione ha inizio nel centro di Tires, dalla Casa della Comunità. Dalla piazza del paese si stacca un sentiero in direzione est che porta l’escursionista sui prati a monte di Tires, da dove si prosegue, sempre in direzione est, sul sentiero contrassegnato 6U. A quota 1090 m si incontra un crocifisso e una cappelletta. Il sentiero prosegue per i prati e si immette in una strada asfaltata che attraversa il pendio davanti al maso Pattissenhof, per salire alla strada forestale di Wuhn, fino a raggiungere Weisslahnbad a quota 1200 m. Ora la strada scende al margine del bosco passando per alcune aree di parcheggio fino al Rio Ciamin. Varchiamo il torrente su un ponticello e raggiungiamo l’interessante Centro Visite del Parco Naturale, sistemato nell’antica segheria detta "Steger Säge".

Nei mesi estivi, una volta la settimana, un segantino apre un canale la cui acqua fa girare la ruota che a sua volta mette in moto l’antica segheria veneziana. Dopo la completa ristrutturazione del meccanismo originale e dei sistemi di comando in legno, la segheria è di nuovo perfettamente funzionante. Durante gli orari di apertura al pubblico è anche possibile assistere da vicino al taglio di un grande tronco d’abete.
 
 
alla lista